domenica 28 aprile 2013

Come rendere una superficie antiscivolo

In questo post illustrerò come rendere una mattonella antiscivolo utilizzando dei prodotti professionali e molto facili da applicare, riducendo di molto la possibilità di infortuni dovuti a cadute accidentali.

Secondo la normativa italiana con il D.L626/94 si stabilisce che i pavimenti dei locali uso abitativo o commerciale  devono essere privi di protuberanze cavità o piani inclinati, pericolosi stabili e antisdrucciolevoli.
 Per questo motivo e soprattutto in esterno dove ci sono condizioni ambientali più sfavorevoli specialmente con il bagnato, non bisogna posare mattonelle che presentino un basso coefficiente di attrito al calpestio.
Se per un qualunque motivo hai incollato questo tipo di mattonelle (di solito si tratterà di gres porcellanato), si può rimediare tramite dei trattamenti che permettono alla mattonella di diventare più ruvida, consentendo così una migliore aderenza.

Il prodotto di cui stiamo parlando è una membrana poliuretanica liquida in grado di creare un rivestimento continuo trasparente ad elevata resistenza agli agenti atmosferici ed all'azione dei raggi U.V. e resistente all'abrasione.
Può essere applicato su pavimentazioni come gres porcellanato, ceramica, cotto, clinker, pietre naturali etc. .

Qui di seguito illustrerò la sua applicazione.

 Attrezzatura:

  • spruzzo a bassa pressione;
  • uno straccio, mop;
  • prodotto chimico non scivolo della ditta Faber chimica;
  • secchio per la pulizia.

Applicazione:

  1. Pulire il sottofondo con della soda caustica in modo tale da togliere i grassi e sporcizia che si sono depositatiti sul pavimento: la soda caustica si può comprare in un qualsiasi supermarket.
  2. Agitare moderatamente il prodotto all'interno del suo involucro.
  3. Sistema il prodotto all'interno dello spruzzino e applica su tutta la superficie da trattare.
  4. Lascia riposare il prodotto per un tempo tra i 45 e 120 minuti 
  5. Con l'aiuto di uno straccio togli i residui che ci sono rimasti e risciacqua con acqua pulita.
Ti consiglio di fare una prova sulla superficie da trattare in un punto che sia poco visibile, in modo da verificarne il suo gradimento e il suo risultato di anti scivolo, in quanto potrebbe alterare la lucentezza delle superficie.
Questi tipi trattamenti posso essere eseguiti con temperature tra gli 5° C e 35° C gradi.

Essendo un prodotto chimico si consiglia molta prudenza e gettare la tanica in appositi contenitori adibiti a questo tipo di rifiuti.

Grazie di avermi seguito per qualsiasi chiarimento sono a vostra disposizione.Andrea Cappannelli